Una Nuova Rubrica ‘Immigrazione e integrazione in tempo di pandemia’

La pandemia di COVID-19 e le conseguenti misure di prevenzione e sostegno stanno cambiando il panorama sociale, politico ed economico in modo radicale e, probabilmente, duraturo. Le dinamiche migratorie e di mobilità sono ovviamente investite in maniera diretta. Ma anche i processi di integrazione (o, viceversa, di emarginazione) risultano trasformati, in forme che cominciano solo ora a trasparire. Attraverso una serie di brevi contributi prodotti dai suoi ricercatori o da amiche e amici con cui collaboriamo, FIERI intende suggerire alcuni spunti, empiricamente fondati, per riflettere su queste trasformazioni e indicare possibili piste di ricerca per il futuro.


Pandemia, crollo del turismo e (nuove) migrazioni di Francesco Vietti


L’immigrazione nell’Italia post-pandemia: un pezzo del problema o della soluzione? di Ferruccio Pastore


Ridurre la mobilità, chiudere le frontiere: quale ruolo per gli esperti scientifici? di Lorenzo Piccoli


Migrazioni sottosopra. L’impatto del Covid-19 sui movimenti di persone alle frontiere tra Spagna e Marocco di Lorenzo Gabrielli


La tripla assenza dei migranti. La crisi Covid vista dalla Romania di Pietro Cingolani


Pandemia e rimpatri: ripensare la detenzione amministrativa dei migranti durante e dopo il COVID-19 di Emanuela Roman


Relativamente agli effetti della pandemia sull’integrazione dei migranti vi segnaliamo anche questi contributi:


Rethinking Immigration Detention During and After Covid-19: Insights from Italy di Emanuela Roman


Victims or resources? Migrants and shrinking areas in the post-Covid-19 society di Irene Ponzo e Ferruccio Pastore


Lavoratori stranieri con tre svantaggi in più nella fase 2 di Pietro Campa, Tommaso Frattini, Ferruccio Pastore, Roberto Quaranta e Claudia Villosio


Migrant integration in times of the lockdown. Some reflections from Italy (TRAFIG Blog) di Ferruccio Pastore


L’integrazione ai tempi del contagio di Ferruccio Pastore