BRIDGES. Bridges to assess the production and impact of migration narratives/BRIDGES. Ponti per valutare la produzione e l’impatto delle narrazioni sulla migrazione (2021 – 2023)

IT. BRIDGES mira a comprendere le cause e le conseguenze delle narrazioni sulle migrazioni in un contesto di crescente politicizzazione e polarizzazione. Il progetto, si focalizza su 5 paesi dell’Unione europea e un ex-stato membro (Francia, Germania, Ungheria, Italia, Spagna e Regno Unito), con un triplice obiettivo.

In primo luogo, sul piano conoscitivo, il progetto mira a comprendere i processi di produzione delle narrazioni, il loro impatto delle narrazioni e l’interazione tra questi due livelli. Ciò implica l’analisi dei seguenti aspetti: a) le ragioni per cui alcune narrazioni sono diventate dominanti su altre nei dibattiti pubblici e politici da una prospettiva storica; b) come le narrazioni modellano gli atteggiamenti individuali in Europa e le decisioni dei potenziali migranti nei paesi di origine e di transito; c) come le narrazioni influenzano le decisioni politiche e i loro esiti sia a livello nazionale che a livello dell’UE; d) in che modo gli individui e i decisori politici diventano a loro volta produttori di narrazioni e si influenzano a vicenda.

A livello pratico, BRIDGES mira a promuovere politiche basate su solidi risultati di ricerca. Il progetto, sviluppando una gamma di possibili strategie di governo per rispondere alle narrazioni populiste, fornirà ai responsabili politici raccomandazioni su come correggere la tendenza verso politiche sempre più simboliche nel campo delle migrazioni e dell’integrazione.

In terzo luogo, a livello sociale, l’obiettivo è creare spazi per il dialogo tra gli attori coinvolti nella produzione di narrazioni, nonché lo scambio di buone pratiche innovative tra artisti, organizzazioni della società civile e comunità di migranti volte a costruire racconti più inclusivi.

Gli obiettivi del progetto possono essere raggiunti solo se colmiamo – “to bridge” in inglese, da cui il nome BRIDGES – i diversi divari tra discipline e tra ricerca e pratica. Un valore aggiunto del progetto è la sua interdisciplinarietà e una forte enfasi sulla co-produzione, per esempio attraverso workshop interattivi con rappresentanti della politica, dei media e della società civile, una mostra itinerante di fotogiornalismo e due gare di hip hop per riflettere sulle sfide di una società multiculturale e sempre più diversificata.


EN. BRIDGES aims to understand the causes and consequences of migration narratives in a context of increasing politicisation and polarisation. By focusing on six current/former EU countries (FR, GE, HU, IT, SP, and UK), it has a three-fold objective.

First, at the academic level, it aims to understand the processes of narrative production and impact and their mutual interaction. This entails analysing: a) why some narratives have become dominant over others in public and political debates from a historical perspective; b) how narratives shape individual attitudes in Europe and potential migrants’ decisions in countries of origin and transit; c) how narratives impact policy decisions and outputs both at the national and EU levels; and d) how individuals and policymakers become in turn narrative producers (‘shaped shapers’) and influence each other.

Second, at the policy level, it aims to foster evidence-based policies. By developing a typology of government strategies for responding to populist narratives, we will provide policymakers with recommendations on how to redress a tendency towards increasingly symbolic policies in the field of migration and integration.

Third, at the societal level, our objective is to create spaces for dialogue between actors involved in narrative production as well as to exchange innovative good practices among artistic communities, civil society organisations and migrant communities focused on how to build more inclusive accounts.

The project objectives can only be achieved if we bridge – hence the name BRIDGES – several critical gaps between disciplines and between research and practice. A key added value of the project is its interdisciplinarity and co-production approaches, including three interactive workshops with policy, media and civil society actors, an itinerant photojournalism exhibition and two hip hop contests to reflect on the challenges of multicultural and increasingly diverse societies.